Ultima modifica: 22 aprile 2018

Orientamento

Finalità

Il successo scolastico e formativo di ogni alunno dell’istituto comprensivo Copernico di Corsico affinché si concretizzi nella realtà territoriale e trovi riscontro nelle statistiche scolastiche.

Obiettivo principale

Il successo scolastico e formativo di ogni alunno dell’istituto comprensivo Copernico di Corsico attraverso l’attivazione di attività coerenti con il piano di miglioramento 2016-2019.

1.1       Denominazione area e responsabile

  • AREA 1 X Progettualità
  • AREA 2 □ Coordinamento

Teresa Piergrossi

1.2       Titolo attività

Orientamento

Premessa

L’orientamento è un processo formativo continuo che tende a favorire negli alunni e nelle alunne la conoscenza di sé e del mondo circostante, ad individuare e valorizzare motivazioni, attitudini, interessi, a sollecitare la presa di coscienza delle competenze necessarie ad affrontare le scelte di vita scolastiche e professionali e la capacità di effettuare scelte autonome e ragionate.

In quanto tale l’orientamento è un’attività interdisciplinare, si persegue con ciascun insegnamento attraverso l’adozione di una didattica orientativa che propone contenuti in cui i ragazzi possano progressivamente scoprire interessi e attitudini, che sceglie e potenzia gli strumenti di studio più idonei a favorire l’apprendimento, che adotta una pluralità di metodologie didattiche, che rafforza l’autoconsapevolezza e la capacità di riflessione sul proprio percorso.

L’orientamento inteso come processo formativo continuo riguarda pertanto l’intero triennio della scuola secondaria di primo grado e riguarda tutti i docenti che possono agire attraverso il potenziamento della valenza orientativa della propria disciplina e attraverso il lavoro interdisciplinare finalizzato a sviluppare metodo il metodo critico di risoluzione di problemi concreti. Infatti, alcune competenze generali sono gli strumenti di base che ogni docente fornisce ai propri alunni per permettere loro di acquisire la maggior parte delle abilità professionali che verranno richieste una volta usciti dalla scuola, come, ad esempio, le capacità di analisi e sintesi, il senso critico, l’operatività, la capacità di ricerca personale, ecc

Partendo da questi presupposti, il presente progetto, rivolto esclusivamente alle classi terze, va inteso come fase finale di un percorso iniziato con l’ingresso alla scuola secondaria di primo grado e , continuando a perseguire le stesse finalità, intende concentrare l’attenzione sul momento cruciale costituito dalla scelta della scuola superiore e dal passaggio dal primo al secondo ciclo scolastico.

1.3 Gruppo destinatari

Classi terze della scuola secondaria di primo grado

1.4 Obiettivi specifici

  • Obiettivo 1 – Potenziare nell’alunno la consapevolezza e la conoscenza di sé, delle proprie potenzialità, degli interessi professionali e scolastici e delle proprie attitudini nonchè lo sviluppo di capacità metacognitive (metodo di studio, motivazione, autovalutazione, …)
  • Obiettivo 2 – Favorire una adeguata conoscenza dei settori produttivi e dell’organizzazione del mondo del lavoro, dei cambiamenti avvenuti negli anni nelle professioni e nelle competenze richieste dal mercato del lavoro
  • Obiettivo 3 – Favorire un’informazione corretta e completa del sistema istruzione-formazione professionale superiore a sostegno di una scelta scolastica coerente e responsabile
  • Obiettivo 4 – Attivare percorsi individualizzati per alunni disabili, stranieri e ragazzi con particolare difficoltà relazionali e/o disagio sociale

1.5 Risultati Indicatori

Risultato 1 (relativo all’obiettivo 1)

L’alunno/a acquisisce maggiore consapevolezza delle proprie attitudini/capacità e delle difficoltà che incontra dimostrando capacità di riflessione sugli elementi più significativi della propria personalità (interessi, pregi, difetti, limiti).

L’alunno/a adotta un metodo di studio più efficace, dimostra maggiore motivazione allo studio, autovaluta il proprio lavoro con obiettività, acquisisce consapevolezza del proprio stile cognitivo.
L’alunno/a attiva un processo di maturazione personale ed effettua una scelta consapevole.

difficoltà relazionali e/o disagio sociale

Indicatori (relativo al risultato 1)

L’alunno/a

  • mostra interesse e partecipa attivamente alle attività proposte;
  • manifesta il miglioramento del livello di maturazione personale attraverso: qualità delle riflessioni che è in grado di fare su se stesso, capacità di adottare strategie atte a potenziare le capacità e compensare i limiti; capacità di valutare il proprio rendimento scolastico, individuando le difficolta incontrate, i risultati ottenuti e gli aspetti da migliorare;
  • acquisisce autonomia nello studio e migliora i risultati scolastici;
  • sceglie la scuola più attinente alle proprie capacità
  • Concordanza tra giudizio orientativo e scelta della scuola superiore

Risultato 2

L’alunno acquisisce una adeguata conoscenza dei settori produttivi e dell’organizzazione del mondo del lavoro, dei cambiamenti avvenuti negli anni nelle professioni e nelle competenze richieste dal mercato del lavoro.

Indicatori

Qualità e quantità di informazioni relative a : attività lavorative del settore primario, secondario e terziario; caratteristiche delle diverse figure professionali presenti nei vari settori; percorsi formativi-professionali per l’acquisizione delle competenze necessarie alle varie figure professionali; elementi di economia

Risultato 3

L’alunno acquisisce un’informazione corretta e completa del sistema istruzione-formazione professionale superiore ed effettua una scelta coerente e responsabile.

Indicatori

  • Qualità e quantità di informazioni relative al sistema istruzione-formazione professionale superiore;
  • Percentuale di scelte condivise tra scuola/ragazzi e famiglie
  • Adeguata distribuzione sulle macro tipologie formative e sui vari indirizzi

Risultato 4

Vengono attivati percorsi individualizzati per alunni disabili, stranieri e ragazzi con particolare difficoltà relazionali e/o disagio sociale

Indicatori

Numero e qualità dei percorsi individualizzati attivati anche con attività di accompagnamento, progetti ponte, laboratori assistiti, ecc.

1.6 Attività

Attività 1

Somministrazione questionari improntati alla conoscenza dei propri punti di forza e di debolezza, delle proprie propensioni, seguiti da discussione guidata in classe;

Letture antologiche sul tema della crescita e della scelta sul proprio futuro;
Visione di film sulle problematiche dell’adolescenza

Attività 2

  • Attività relative all’organizzazione del mondo del lavoro e i cambiamenti nel tempo attraverso:
  • letture dai libri di testo, ricerche su internet, visione di film e documentari, visite ad aziende
  • Indagine sulle diverse figure professionali (competenze, mansioni, formazione etc) effettuata attraverso questionari/interviste ai propri genitori e/o ad adulti in genere, letture e ricerche su Internet; visite alle aziende.
    Approfondimenti sui settori economico/produttivi più vicini agli interessi dei ragazzi anche attraverso attività operative/progettuali
  • Attività sul tema -La donna e il mondo del lavoro – Oltre gli stereotipi di genere , svolte attraverso : letture, visione di film e documentari, ricerche su internet

Attività 3

  • Presentazione dei percorsi di studio delle varie tipologie formative con l’uso di materiali predisposti da insegnanti della nostra scuola (ppt Dopo la terza media)
  • Campus – Incontro informativo con gli insegnanti delle varie scuole superiori presso la nostra scuola
  • Analisi del materiale illustrativo distribuito dagli insegnanti delle scuole superiori
  • Informazioni relative agli Open Day delle varie scuole superiori
  • Visite degli alunni ad alcune scuole superiori con partecipazione ad attività laboratoriali

Attività 4

Per gli alunni disabili, stranieri e ragazzi con particolare difficoltà relazionali e/o disagio sociale si individueranno le soluzioni più idonee in accordo con le famiglie; per alcuni alunni si prevede la possibilità di brevi stage (una mattinata) nelle scuole prescelte e la predisposizione di progetti ponte

1.7 Cronogramma

Le attività saranno svolte nel corso del primo quadrimestre

1.8 Fonte di verifica

Documentazione della valutazione di ciascuna attività.

Raccolta dati su:

  • Percentuale di scelte condivise tra scuola/ragazzi e famiglie
  • Percentuale di distribuzione sulle macro tipologie formative e sui vari indirizzi
  • Risultati in uscita dopo il primo anno
  • Abbandoni
  • Cambio di scuola in corso d’anno
  • Evasione dell’obbligo scolastico

1.9 Metodologie e tecnologie d’intervento

Lezioni dialogate – Lavori di gruppo – Attività cooperative e tra pari – Flipped classroom – Learning by doing -Laboratori

2.0 Risorse umane (con indicazione dei ruoli)

Docente referente del progetto: predispone il progetto, coordina le varie attività previste dal progetto, raccoglie e segnala ai colleghi materiali utili alle varie attività, raccoglie le valutazioni dei singoli docenti, raccoglie i dati relativi alla coerenza tra le scelte degli alunni e i giudizi orientativi e quelli relativi alla distribuzione sulle diverse tipologie formative e sugli indirizzi. Collabora alla raccolta dei dati relativi ai risultati in uscita dopo il primo anno

Attività 1

Docenti di Lettere delle classi terze svolgono le attività in orario curricolare

Attività 2

Docenti di Storia/Geografia, docenti di Tecnologia, docenti di Matematica svolgono le attività in orario curricolare

Attività 3

Tutti i docenti in orario curricolare tranne coloro che saranno presenti a scuola nel giorno del Campus.

Attività 4

Tutti i docenti / per gli alunni disabili i docenti di sostegno

2.1 Beni e servizi

Computer, LIM, fotocopie/ software già in dotazione

2.2 Fonti di finanziamento, stima dei costi

  • FIS
  • Si prevede il compenso per:docente coordinatrice del progetto 10 h – Docenti impegnati nella giornata del CAMPUS 3 h per 4 docenti