Ultima modifica: 27 aprile 2018

Progetto Curiel

Finalità

Il successo scolastico e formativo di ogni alunno dell’istituto comprensivo Copernico di Corsico affinché si concretizzi nella realtà territoriale e trovi riscontro nelle statistiche scolastiche.

Obiettivo principale

Il successo scolastico e formativo di ogni alunno dell’istituto comprensivo Copernico di Corsico attraverso l’attivazione di attività coerenti con il piano di miglioramento 2016-2019.

1.1 Denominazione area e responsabile

  • AREA 1 X Progettualità
  • AREA 2 □ Coordinamento

Stefano Merlo e Sara Corti

1.2 Titolo attività

Progetto Curiel: Atelier creativo, coding e robotica

1.3 Gruppo destinatari

  • Alunni del Plesso Curiel: classi 2 – 4 e 5
  • Alunni e genitori Plesso Cabassina (5 anni)

1.4 Obiettivi specifici

Competenze

  • Valorizzare l’acquisizione di competenze di cittadinanza attiva a scuola e nel territorio

Obiettivi generali

  • Arricchire l’offerta formativa del plesso Curiel.
  • Coinvolgere i genitori, nella progettazione e nella costruzione dell’atelier creativo.
  • Creare un clima di collaborazione tra gli alunni attraverso la collaborazione tra pari.

Obiettivo 1

  • Valorizzare la qualità dell’offerta didattica nel plesso

Obiettivo 2

  • Offrire agli alunni la possibilità di conoscere il coding e la robotica educativa integrata da attività di animazione musicale.

Obiettivo 3

  • Favorire la continuità tra la scuola dell’Infanzia Cabassina e la scuola primaria Curiel.

Obiettivo 4

  • Coinvolgere le insegnanti di Curiel in un processo di ricerca-azione adegato al contesto.

1.5 Risultati e indicatori

  • Risultato 1 (relativo all’obiettivo 1). Consolidamento delle iscrizioni al plesso Curiel.
    Indicatore. Numero iscritti classe prima 18/19 sufficienti per formare una classe.
  • Risultato 2 (relativo all’obiettivo 2). Costruzione di uno sfondo integratore (fiaba, canzone, storia,…): plastico utilizzando legno, materiale di recupero, ecc…
    Programmazione di robot in grado di interagire nel plastico.
    Partecipazione al festival della robotica in programma nel mese di maggio all’Università Bicocca di Milano con esposizione pubblica dei lavori. Allestimento di uno “spettacolo” che preveda il racconto della storia attraverso: animazione musicale; drammatizzazione; racconto scritto; programmazione del robot.
    Indicatore. L’alunno sa progettare un ambiente e definire le modalità di costruzione.
    Elenca il materiale e lo sa procurare.
    Comprende i principali fondamenti del coding e le istruzioni per muovere il robot.
    Numero dei bambini partecipanti e resoconto dell’esperienza, anche attraverso il coinvolgimento dei genitori presenti
  • Risultato 3 (relativo all’obiettivo 3). Allargamento della partecipazione al progetto alle insegnanti del plesso Cabassina e ai genitori dei bambini di 5 anni.
    Consolidamento della collaborazione tra i due ordini di scuola
    Valorizzazione della componente genitori come parte attiva nella condivisione dell’offerta formativa.
    I bambini della scuola dell’Infanzia lavoreranno, seguendo lo stesso schema, con le Api robot.
    Saranno previsti dei momenti di incontro per la realizzazione di percorsi metacognitivi.
    Indicatore. Bambini di 5 anni con riferimento al campo di esperienza Il sé l’altro.
    Il bambino sa progettare un ambiente e definire le modalità di costruzione.
    Elenca il materiale e lo sa procurare.
    Comprende i principali fondamenti del coding e le istruzioni per muovere l’ape robot
  • Risultato 4 (relativo all’obiettivo 4). Gli insegnanti della scuola Curiel parteciperanno ad un lavoro di formazione-ricerca durante la realizzazione del laboratorio.   Indicatore (relativo al risultato 1)
    Indicatore. Gli insegnanti di Curiel saranno in grado di continuare l’esperienza da soli.

1.6 Attività

Attività 1 (relativa al risultato 1) – Discussione libera sulle idee dei bambini. Che situazione vogliono realizzare? In piccolo gruppo i bambini disegnano e/o scrivono la loro idea. Le idee emerse saranno discusse assieme in grande gruppo. L’idea che avrà più consensi sarà scelta per una progettazione più accurata.
I bambini, divisi in piccoli gruppi, assumeranno i diversi compiti:
elencare il materiale necessario e provare una prima sistemazione sul ripiano;
scrivere la storia;
inventare delle canzoni;
programmare il robot, questa attività dovrà coinvolgere tutti i bambini.

 

Attività 2 (relativa al risultato 2) – I bambini si iscriveranno al festival della robotica, ricevuto il regolamento lo studieranno e prepareranno quello che serve.

Attività 3 (relativa al risultato 3) – Si “inventeranno” delle occasioni di incontro tra i bambini delle due scuole e ognuno racconterà quello che ha fatto

Attività 4 (relativa al risultato 4) – Durante le attività gli insegnanti di Curiel parteciperanno ad una formazione sul campo.

1.7 Cronogramma

15 ore per classe a partire dal mese di ottobre con la frequenza settimanale e la durata di 2 ore

1.8 Fonte di verifica

La valutazione e la verifica sarà realizzata attraverso un compito autentico che consisterà nella partecipazione al festival della robotica.

1.9 Metodologie e tecnologie d’intervento

  • La metodologia sarà attiva, basata sull’ “imparare facendo”.
  • Lavoro di gruppo, principalmente, e restituzione a grande gruppo.
  • Collaborazione tra pari (i bambini imparano dagli altri bambini)
  • Ogni bambino potrà sviluppare le proprie attitudini scegliendo il tipo di lavoro da fare.
    L’ osservazione in itinere darà la possibilità di ridefinire man mano le attività di ciascun bambino.

2.0 Risorse umane (con indicazione dei ruoli)

Stefano Merlo per la parte costruttiva e di coding.

Sara Corti per la parte di drammatizzazione e musica.

2.1 Beni e servizi

Due coderbot, …….

2.2 Fonti di finanziamento, stima dei costi

Acquisto di due coderbot e noleggio di un pullman per il festival della robotica.  Chiedere un contributo al comune?)