Ultima modifica: 7 Gennaio 2019

Cronache dal mondo fantastico

Torna al sommario del numero 1 di Scuola di carta

Evento eccezionale

Un gatto impara a volare

A mezzanotte un gatto nero, una gabbanella ed un umano sono saliti sul campanile di San Michele.

La gabbianella si è buttata in picchiata dal campanile e, a qualche metro di distanza dal marciapiede ha incominciato a planare, riuscendo finalmente a volare.
Prima di unirsi agli altri gabbiani, è ritornata dal gatto, che fino a quel giorno aveva chiamato “mamma”, e lo ha salutato. Abbiamo avuto l’opportunità di intervistare alcuni testimoni.
Il pescivendolo ha dichiarato: “Il gabbiano è-è volato i-in alto e-e si è u-unito a-agli alt-ri ga-gabbiani. M-mi ric-ricordo di q-quando veniva a p-prendere il p-pesce m-m-mentre d-diceva ”Miao!Miao”.
Altri, dopo questa dichiarazione, hanno affermato che il pescivendolo era completamente PAZZO.

Degli scienziati hanno tradotto la lingua dei topi, i quali sostenevano che la gabbianella fosse un gatto-pollo. Rimane straordinario il gesto del gatto (che si è saputo chiamarsi Zorba) che ha adottato la pulcina dopo aver covato l’ uovo ed essersene preso cura. Zorba ha in seguito dichiarato -La promessa fatta ad una gabbianella morente si mantiene sempre.

La nostra gabbianella e il gatto

Scritto da Lorenzo Malcotti, Luca Barone ed Evan Sandri

Torna al sommario del numero 1 di Scuola di carta

Quiete disturbata dalle sirene dell’ambulanza

Tragico incidente nel bosco: lupo ferito gravemente dal paiolo rovente

Corsico, 18 Novembre.

Questa mattina si è sfiorata quella che poteva essere una tragedia: protagonisti i tre porcellini. In una giornata apparentemente tranquilla, i fratelli hanno deciso di costruire una casa, ognuno per conto proprio: il primo di paglia, il secondo di legno e il terzo, evidentemente il più saggio, usando i mattoni.

Mai avrebbero potuto immaginare, gli ignari fratelli, che di lì a breve si sarebbero imbattuti in un famelico lupo.
Il carnivoro, infatti, con un forte soffio, ha abbattuto le case più deboli, quelle di paglia e di legno, poi ha pure tentato con quella in mattoni. Però, a nulla è servita la sua forza e lui, pur di uccidere i tre giovani terrorizzati, si è calato giù per il camino senza accorgersi che era acceso.

Il lupo ha riportato gravi ustioni al fondoschiena e al momento è ricoverato all’ospedale San Paolo di Milano, in stato di fermo per tentato omicidio.

Nei prossimi giorni capiremo cosa deciderà il Tribunale di Milano.
Illesi comunque i tre fratelli.

Torna al sommario del numero 1 di Scuola di carta

Insegui i tuoi sogni

Un giorno speciale, un giornalista per Curiel

Grande emozione oggi per la classe 5 A della scuola Curiel, che è riuscita ad ottenere un’intervista da Davide, il giornalista di Corsico che è partito dalle scuole del nostro Comune per approdare a New York.

Il collegamento online ha permesso la realizzazione di quello che si può considerare un vero e proprio evento per i nostri bambini.
Tante le domande, tra emozione e un po’ di imbarazzo e le risposte hanno ampiamente soddisfatto i piccoli protagonisti. Credere in se stessi, inseguire i propri sogni, non mollare mai, sono i messaggi ricevuti da oltreoceano.

E a chi gli chiede quanto gli piace il suo lavoro da uno a dieci, la risposta è stata semplice: “100, si può dire?”. E ora abbiamo anche un’altra certezza: bisogna assolutamente visitare la California!

Grazie Davide, forse un giorno qualcuno diventerà giornalista, o forse no, ma tutti porteranno nel loro cuore le tue parole piene di speranza.

Con Daniele, giornalista, per inseguire i propri sogni

Torna al sommario del numero 1 di Scuola di carta