Ultima modifica: 7 Gennaio 2019

Insieme alla Campioni Mascherpa

Torna al sommario del numero 1 di Scuola di carta

Curiel intervista i ragazzi

Pronti, anzi, quasi pronti, per l’avventura scuola media

Corsico, 20 Novembre.

La scuola media si avvicina sempre di più. Oggi ci siamo recati presso la scuola Campioni Mascherpa del nostro istituto e abbiamo conosciuto i ragazzi della prima media, anche se alcuni erano visi già noti. Abbiamo fatto loro diverse domande e alcuni erano un po’ emozionati, ma in realtà lo eravamo anche noi. Abbiamo scoperto che non è così facile fare un’intervista perché c’è emozione e anche un po’ di imbarazzo, sia da parte di chi fa le domande, sia da parte di chi deve rispondere.

Il nostro dubbio più grande è capire come affrontare le medie. I ragazzi ci hanno spiegato che è molto importante prestare attenzione durante le lezioni e soprattutto “portarsi avanti” con i compiti. Ci hanno anche rassicurato che i professori sono gentili “al punto giusto”.

Insomma, ora sappiamo che le novità saranno tante: nuove materie da studiare, nuove persone da conoscere; ma, soprattutto, ci hanno confermato che sarà difficile salutare le nostre maestre!

Torna al sommario del numero 1 di Scuola di carta

La 5A intervista i ragazzi della scuola media

La classe 5 A, lunedì 19 Novembre 2018, è andata alla scuola media Campioni Mascherpa per intervistare i ragazzi della 1 D. Abbiamo fatto loro delle domande ottenendo diverse risposte.Ecco a voi un riepilogo.

  1. È stato difficile il passaggio dalle elementari alle medie?
    Sì perché il primo giorno eravamo in ansia ma poi abbiamo fatto subito amicizia e se studi va tutto bene.
  2. Che cosa si prova ad essere in 1° media?
    Per quasi tutti i ragazzi è brutto perché non si può usare il telefono e si è tristi per aver lasciato la scuola elementare.
  3. È divertente essere in prima media?
    In parte: sì perché si imparano cose nuove e no perché si lavora sempre.
  4. Quanto dura l’intervallo alle medie?
    C’è un intervallo di dieci minuti ogni due ore. In totale ci sono due intervalli.
  5. Potete portare i telefonini a scuola?
    Sì ma appena si entra dal cancello della scuola deve essere spento e bisogna metterlo in una cassetta per poi riprenderlo all’uscita da scuola.
  6. Avete fatto subito amicizia con i compagni ?
    Sì, perché alcuni compagni frequentavano la stessa scuola.
  7. Come vi trovate con gli insegnanti?
    Con alcuni bene perché sono simpatici, con altri un po’ meno perché fanno tante verifiche oppure dettano in fretta.
  8. I professori sono gentili?
     Sì se siamo bravi.
  9. I professori vi chiamano per nome o per cognome?
    Generalmente ci chiamano per cognome.
  10. Vi piace andare a scuola?
    Non proprio perché si fa poco intervallo e i professori assegnano tanti compiti ma si imparano tante cose nuove.

Torna al sommario del numero 1 di Scuola di carta

La prima media ci parla

Visita alla Scuola secondaria Campioni Mascherpa

Lunedì 19 Novembre la classe 5°B è andata alla scuola Secondaria Campioni Mascherpa e ha intervistato i ragazzi e la prof Paola Marianelli per trovare risposta alle proprie curiosità sulla scuola media e ricevere dei consigli.

  1. Com’è cambiare scuola e amici?
    È un po’ complicato, bisogna imparare ad orientarsi nella scuola perché qui gli spazi sono più grandi e ci sono tanti laboratori: inglese, tecnologia, musica, scienze, francese e arte. Dopo un po’ diventa più semplice…È bello perchè fai nuove conoscenze ma all’inizio è stato difficile per le amicizie. Giorgia e Mina
  2. Qual è il voto minimo che viene dato?
    Il voto minimo è 4. Dal 6 in su è sufficiente, mentre dal 6 in giù è insufficiente. Gabriele e Matteo
  3. I prof sono severi?
    Dipende dal comportamento dei ragazzi: sono severi se ti comporti male, in quel caso ti danno note e sospensioni. Se invece ti comporti bene i prof sono tranquilli e disponibili e non ti succede niente. Matteo
  4. I compiti sono uguali a quelli delle elementari?
    I compiti assegnati per il weekend sono più o meno uguali a quelli delle elementari, mentre in settimana ce ne sono di più anche perché si esce alle 14 tutti i giorni. Vengono dati anche compiti per il giorno seguente, e se non li si fa si prende 4, note o compiti doppi. Se qualcuno è malato deve farsi mandare le foto dei compiti. Se, invece, si hanno dei problemi e non si riesce a fare tutti i compiti, ci si può far fare una giustifica dai propri genitori. Si deve studiare ogni giorno. Stefano e Martina
  5. Quello che avete imparato alle elementari vi è servito?
    Quello che si impara alle elementari serve molto perché all’inizio vengono ripresi tutti gli argomenti, anche se molto più velocemente. Alessandro e Marlin
  6. Avete la stessa libertà che alle elementari?
    Non abbiamo la stessa libertà delle elementari, per esempio non possiamo uscire dall’aula durante l’intervallo, mangiamo la merenda portata da casa e chiacchieriamo all’interno della classe. Gli intervalli sono due ed ognuno dura dieci minuti. Si può andare in bagno durante l’intervallo: alla seconda ora e alla quarta. Erika
  7. Quali materie ci sono?
    Ci sono le stesse materie delle elementari, tranne tecnologia e francese che sono materie nuove. In tecnologia si scrive, si stampa e si programma al computer; in epica si scrivono e studiano racconti storici (come l’Iliade e l’Odissea) ed in musica si suona uno strumento Si va più spesso nei laboratori rispetto alle elementari, ad esempio, in arte si va una volta ogni due lezioni per la parte pratica in cui si dipinge. I libri non possono essere lasciati a scuola, ma devono essere portati a casa tutti i giorni e riportati il giorno della specifica materia. Solo il libro di religione viene lasciato a scuola. Ci sono più raccoglitori e meno quaderni. I libri hanno più pagine rispetto a quelli delle elementari, ma alcuni valgono per tre anni. Marco, Sofia e Stefano
  8. C’è tanto bullismo?
    Non c’è tanto bullismo, ma se si assiste o si subisce bisogna rivolgersi agli adulti. Michael
  9. Come avete fatto a fare amicizia con i compagni nuovi?
    Con piccoli gesti d’amicizia, attraverso vecchi amici che presentano nuovi compagni, aiutandosi a fare i compiti, con i lavori di gruppo nei laboratori. Non è stato difficile perché il primo giorno ci si presenta. Elisa, Marica e Samantha
  10. Avete tante verifiche?
    Ogni settimana c’è una verifica e ci possono essere verifiche a sorpresa. Alla fine di ogni argomento c’è una verifica. Se copi ti ritirano la verifica e ti mettono quattro. Christian
  11. È difficile il francese?
    È difficile ma se si studia regolarmente diventa facile. L’inglese è più difficile del francese. Vi consigliamo di studiare ogni giorno un pezzo di lingue straniere. Le ore di inglese e francese sono lontane tra di loro e in giorni diversi perché, altrimenti, ci potremmo confondere. Elde.
  12. Perché si da del Lei ai prof?
    Per rispetto e perché siamo diventati più grandi. Tutti
  13. Fate tante gite?
    Le uscite didattiche sono meno che alle elementari. Si va a vedere ogni anno uno spettacolo in lingua straniera e si partecipa alla corsa campestre. In prima e in seconda si fanno gite di un giorno, mentre in terza sono previste gite di tre giorni all’estero. L’anno scorso le terze sono andate a Salisburgo, mentre quest’anno andranno in Provenza. Michael
  14. Si può portare il cellulare a scuola?
    Sì, si può portare ma all’inizio della lezione bisogna metterlo in una scatola e tenerlo spento. A fine giornata lo si può riprendere e lo si può accendere per permettere a chi abita lontano, o torna a casa da solo, di contattare i propri genitori. Se qualcuno usa il cellulare durante le ore di scuola, viene ritirato dai professori e portato in segreteria. I genitori per riprenderlo dovranno recarsi in segreteria L’unica occasione in cui si può utilizzare il cellulare è durante la gita di tre giorni (in alcuni orari specifici), mentre nelle uscite di un giorno non è consentito portarlo. Non si possono fare foto a professori e compagni e pubblicarle sui social. Prof. Marianelli

Torna al sommario del numero 1 di Scuola di carta